mercoledì 22 settembre 2021

Il silenzio-assenso nella previdenza complementare e la prescrizione contributiva

Il silenzio-assenso nella previdenza complementare e la prescrizione contributiva

O R A R I O 

Accesso alla

Piattaforma Webinar

Inizio Corso

     Ore 

Intervallo

Ore              

    Conclusioni

13.30

11.00-11.30

Ore

09.00

08.30

Ore

RELATORE:

Dott. Fabio Venanzi

Dottore commercialista – Revisore legale – Dottore di ricerca – Specialista in diritto sindacale, del lavoro e della previdenza – Funzionario di pubblica amministrazione

COSTI:

Quota di partecipazione € 152,00 per il primo iscritto, € 100,00 per i successivi. Compreso materiale didattico e registrazione. La sola registrazione del corso senza iscrizione è fissata in 102,00 euro.

ISCRIZIONE:

per maggiori informazioni o per l'iscrizione al corso scrivere a info@centrostudialtapadovana.it o chiamare il n. 348.7245749

Codice Prodotto MePA:

---

Obiettivi
Il corso illustra il tema della prescrizione dei contributi pensionistici dovuti alla Gestione dipendenti pubblici, alla luce delle circolari emanate dall’Inps e dell’entrata a regime dal 2023, con i conseguenti riflessi sull’applicativo Passweb.
Inoltre, lo scorso mese di aprile, è stata firmata l’ipotesi di accordo sulle modalità di adesione al Fondo Perseo-Sirio, anche mediante forme di silenzio-assenso, con effetti retroattivi nei confronti del personale assunto successivamente al 1° gennaio 2019.
Programma
­ La prescrizione contributiva introdotta dalla Legge 335/1995
­ La normativa applicabile nel pubblico impiego (Legge 610/1952)
­ L’applicazione della prescrizione agli iscritti alla Gestione Dipendenti Pubblici: analisi delle circolari 169/2017, 117/2018, 122/2019 e 25/2020. Le novità del Decreto-legge 4/2019 e del Decreto-legge 162/2019
­ Riflessi della prescrizione nei confronti del lavoratore e del datore di lavoro
­ La costituzione della rendita vitalizia
­ Esemplificazioni pratiche
­ La previdenza complementare nel pubblico impiego e il silenzio-assenso, alla luce dell’ipotesi di accordo per gli assunti, nel pubblico impiego, dopo il 1° gennaio 2019.